venerdì 20 febbraio 2009

Antincendio alberghi: i passi da seguire



Come tutti gli albergatori sanno il 30 giugno 2009 scade, forse l'ultima proroga alla Normativa sull'antincendio (come volevasi dimostrare vedi la nuova: proroga antincendio 2010, ndr), di seguito cercherò d'illustrare quelli che sono i passi da seguire per mettersi in regola prima di quella data e cosa potrà succedere a chi non si adegua.

Entro il 30/06/09 devi:
  1. Preparare il progetto definitivo dei lavori, che dovrà essere realizzato da un tecnico della sicurezza antincendio autorizzato dai vigili del fuoco, il progetto sarà generico e non specifico per ogni singola attività (in questa prima fase non serve il progetto per l'impianto naspi o di rilevazione dei fumi)
  2. Presentare il progetto al comando dei vigili del fuoco per avere conferma sulla bontà dell'elaborato ed una volta ricevuto parere positivo è possibile iniziare i lavori (i vigli del fuoco devono dare risposta entro 60 giorni)
  3. Farsi realizzare, se non ancora elaborati, e se necessari in base alla tipologia dell'albergo, i l progetto per l'impianto naspi o idranti (dipende dal tipo di albergo per sapere se nel tuo albergo devi montare gli idranti leggi la norma), e il progetto dei rilevatori di fumo.
  4. Una volta realizzati i progetti si deve procedere alla loro realizzazione, vi consiglio vivamente di farsi fare + di un preventivo dalle varie ditte installatrici, perché le differenze possono anche essere rilevanti.
  5. Ogni spesa, dall'acquisto dei materassi ignifughi, le porte rei, le tende ignifughe, la moquette, il cartongesso, e tutti i materiali idraulici ed elettrici devono essere a norma ed accompagnati da certificazione di conformità, inoltre l'installatore a sua volta deve rilasciare dichiarazione di conformità per il corretto montaggio ed il collaudo dell'impianto.
  6. Importante: prima di pagare ogni tecnico farsi rilasciare tutti i documenti necessari! Perché sono quelli che permetteranno poi di ricevere il nulla osta dai vigili del fuoco. Anche se un rilevatore di fumo non funziona non importa, quello che conta è la documentazione allegata alla fattura che vi presenteranno! Fate molta attenzione ad avere tutti i documenti che vi ho elencato (cioè il progetto del tecnico impiantista (1 per ogni tipologia di progetto) , la dichiarazione di conformità dei materiali montati, la dichiarazione di conformità del montaggio e del collaudo degli stessi.
  7. In ultimo tutta la documentazione verrà presentata all'ufficio tecnico dei Viglili del fuoco del comune di propria appartenenza entro il 30 giugno 2009 ed immediatamente sarà rilasciato il nulla osta provvisiorio. Con il nulla osta provvisorio siamo provvisoriamente a posto, si tratta di un documento provvisorio perché poi i vigili del fuoco dovranno eseguire un sopralluogo in albergo, nei mesi successivi, per verificare la veridicità delle dichiarazioni e dei documenti consegnati loro.
Atenzione: cosa controlleranno in particolare i vigili del fuoco quando verranno a fare il sopralluogo?
  1. Registro dei controlli (dove avrete annotato i controlli che avrete fatto eserguire dai tecnici autorizzati ad inizio stagione (oppure ogni 6 mesi se lpalbergo è annuale) su: Impianto elettrico, impianto idraulico antincendio, cucina, impianto di rilevazione fumi, estintori);
  2. Le segnalazioni delle uscite di sicurezza e che non siano occluse;
  3. La corretta manutenzione e posizione degli estintori indicata da apposita targhetta;
  4. Possono chiedere al personale se è stato adeguatamente istruito sui comportamenti da tenere in caso d'incendio (si consiglia di spiegare questo ad ogni dipendente il giorno dell'assunzione e di fargli firmare un foglio in cui dichiara di essere stato informato sui comportamenti da tenere in caso d'incendio)
  5. E ovviamente controlleranno l'attinenza dei progetti consegnati alla loro reale installazione



Di seguito ecco alcune domande che ho posto ad un ispettore dei vigili del fuoco

Domanda1: Cosa succederà se i vigili del fuoco eseguendo il sopralluogo riscontreranno qualcosa di non corretto? Faranno la multa?
Risposta: Se la mancanza non è rilevante, Non verrà fatta nessuna multa, ma verranno dati dei giorni di tempo per adeguare come indicato nel progetto approvato

Domanda2: Ma se un albergo non presenta tutti i documenti per la richiesta del nulla osta al comando dei vigili del fuoco entro il 30 giugno 2009, cosa succede?
Risposta: I vigili del fuoco di certo non andranno a controllare gli alberghi che non avtanno consegnato i documenti, ma dovranno controllare quelli che li avranno consegnati, tutto dipende dal Comune, se il Comune di appartenenza procede severamente può revocare la licenza se invece agisce più pacatamente magari può inviare una raccomandata a tutti gli alberghi ancora non adempienti indicando un tempo ulteriore entro il quale adeguarsi.

Se qualcuno ha delle informazioni aggiuntive o più precisi o vuole esprimere la sua opinione può farlo tranquillamente lasciando un commento tramite il pulsante sotto, grazie

14 commenti:

  1. salve..volevo sapere se il termine del 30 Giugno 09 vale anche per le attività che sono già in possesso di un nulla osta.
    Complimenti per il blog! Luca

    RispondiElimina
  2. Ciao Luca,
    se tu hai il nulla osta definitivo sei a posto, se invece il nulla osta in tuo possesso è provvisorio, allora credo che dovrai aspettarti, nei prossimi mesi, la visita degli ispettori dei Vigli del Fuoco per verificare che tu abbia fatto i lavori e poi ti rilasceranno il nulla osta definitivo, ma per avere informazioni più precise e per non rischiare di sbagliare ti consiglio di chiamare il comando dei vigili del Fuoco della tua città e chiedere conferma di questo ad un loro tecnico, a proposito grazie anche per i complimenti, fanno sempre piacere ciao Ale

    RispondiElimina
  3. Salve, sono un giornalista di Pianeta Hotel, mi chiamo Riccardo Oldani, e siccome mi sto occupando di un articolo sul tema dell'adeguamento antincendio mi chiedevo se posso citare il tuo blog, e naturalmente te, soprattutto per quanto riguarda le domande e risposte all'ispettore dei vigili del fuoco.
    Complimenti per il blog, Riccardo

    RispondiElimina
  4. Ciao Riccardo,

    grazie per i complimenti, certo che puoi citarmi, anzi mi fa molto piacere, a proposito se hai informazioni o argomenti da condividere con gli utenti di questo blog, ti ringrazio se lo vorrai fare

    ciao a presto

    RispondiElimina
  5. CIAO RAGA MI TROVO IN UN ALERGO DOVE HO NOTATO DEI RIVELATORI A SOFFITTO TAPPATI MI CHIEDEVO SE SCOPPIASSE UN INCENDIO IL RIVELATORE IN QUESTIONE NON RIVELEREBBE NULLA GIUSTO?QUINDI VORREI DENUNCIARE L'ACCADUTO A CHI MI POSSO RIVOLGERE? GRAZIE

    RispondiElimina
  6. Ciao Anonimo,
    innanzitutto grazie per aver lasciato un commento, però devo subito dirti che quando si parla di denunce, vere e proprie, non potrai restare anonimo, dovrai metterci la faccia, il nome ed il cognome (eheheh); quello di cui parli sembra essere un classico caso di un albergatore che ha preparato l'impianto di rilevazione fumo ma non l'ha ancora messo in funzione (l'obbligo di legge sarà in vigore a dicembre 2010, quindi c'è tempo essendoci stata una proroga antincendio), quindi credo sia tutto a posto, per la legge intendo. Eventualmente prova a chiedere spiegazioni direttamente all'albergatore, e vedi cosa ti dice; se comunque scoppia l'incendio nella tua stanza il responsabile probabilmente sei tu o qualche tuo compagno, come si dice in questi casi "prevenire è meglio che combattere", quindi cercate di non tenere comportamenti che possano provocare incendi appunto.

    ciao ciao

    RispondiElimina
  7. ciao,
    sono la titolare di 1 piccolo albergo con meno di 25 posti letto e la mia Asl locale mi richiede la valutazione rischio incendi. mi sono informata e so che è possibile un autocertificazione...qualcuno ha delle info?
    grazie mille
    chiara
    mazzoleni.chiara78@hotmail.it

    RispondiElimina
  8. Ciao Chiara,

    ti posso dare questo link:

    http://www.opendotcom.it/sicurezza-sul-lavoro/autocertificazione-valutazione-rischi/index.aspx

    dove sono indicate le caratteristiche che deve avere il tuo DVR (Documento per la Valutazione dei Rischi),

    autocertificato, ma siccome poi, sono quelli della tua ASL che valuteranno il docuemento (se mai lo

    sfoglieranno) io chiederei direttamente a loro se hanno un pro-forma o delle linee guida da seguire per la

    redazione del tuo documento.

    Ciao ciao

    RispondiElimina
  9. Il documento di " Valutazione del Rischio Incendio" è richiesto dalla normativa 626 e non dalle normative di Prevenzione Incendi.Si leggono spesso "Valutazioni del Rischio Incendio" che non tengono in minima considerazione la Normativa di Prevenzione Incendi. La 626 è infatti la legge che si riferisce alla sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro. Come si legge nel quesito la richiesta arriva infatti dalla ASL e non dal Comando dei VVF.

    RispondiElimina
  10. Salve a tutti, sono stato soggetto ad un controllo ASL e mi sono stati segnalati alcuni punti a cui dovrei adempire ma non so come, visto che non mi hanno dato nessuna informazione su come farlo. Vorrei discuterne con voi in modo da trovare la soluzione migliore.
    1) certificazione pore REI 30: la mia struttura ha una capacità ricettiva di 25 persone, ho provato a leggermi la legge anticendio del 94 e sembra che io debba avere questa certificazione. Ma dopo 16 anni che la legge è stata fatta, solo ora mi dicono di questa necessità? nei controlli precedenti non mi era mai stato notificato nulla. Inoltre nel caso in cui dovessi fare quest'opera, sono obbligato a sostituire le porte oppure esiste qualche ditta che me le può mettere a norma senza sostituirle?
    2) mi hanno chiesto di rimuovere la moquette dalle scale in quanto è antiigenica..ora io ho sentito alcune imprese di pulizie e nessuna di queste ha mai sentito una cosa del genere...anche perche questa è ignifuga e quindi non dovrebbero esserci problemi, inoltre viene regolarmente pulita con un aspiratore 100 gradi a vapore che ho acquistato apposta per questo.

    Vi ringrazio a chi mi vorrà aiutare e mi scuso per le molte domande

    RispondiElimina
  11. Ciao Anonimo,

    capisco perfettamente quello che intendi, c'è confusione, e leggi e modifiche di legge, ognuno dice la Sua, ti consiglio di andare a parlare con un tecnico dei pompieri, prendi un appuntamento, fanno questo tipo di consulenza GRATIS, portati dietro la pianta dell'albergo, certamente potranno darti le dritte giuste, anche perchè poi saranno loro a fare il sopralluogo per verificare se avrai messo a conformità l'albergo.

    saluti
    alebon

    RispondiElimina
  12. ciao a tutti,
    sono un cittadino anonimo, sono venuto a conoscenza del fatto che l'amministrazione comunale proprietaria di un immobile, successivamente ristrutturato e trasformato in albergo, per evitare il CPI "ha presentato un progetto" con numero posti letto 10, e successivamente aperto dandolo in gestione a privati con ben 45 posti letto, dichiarato anche dagli stessi gestori e dal comune,su vari siti e giornali.
    secondo voi cosa posso fare, chi ne risponde e quali sanzioni?
    saluti
    anonimo.

    RispondiElimina
  13. Salve a tutti ho una domanda: in che modo si puo' stabilire quando non esiste obbligo di inserire rivelatori antincendio in un controsoffitto ? parlo di un controsoffito del tipo a veletta ovvero con un lato aperto o quanto meno apribile. Un tecnico una voltami disse che esiste la possibilita' di nn dover inserire i rivelatori al suo interno. Ed ho letto pure dati precisi in merito ma purtroppo nn ricordo dove. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Signor anonimo, sarebbe bello firmarsi con un nome,
      tuttavia rispondendo alla sua domanda, le posso dire che per sicurezza dovrebbe parlare direttamente con un "Ispettore" dei Vigili Del Fuoco; può chiamare la caserma dei Vigili del fuoco più vicina al suo albergo e chiedere di fissare un appuntamento con un Ispettore o Tecnico dei sopraluoghi competente degli Hotel e chiede direttamente a Lui come deve comportarsi, le devono dare una consulenza GRATIS; purtroppo da esperienza invece ogni Tecnico (privato) quello che poi firmerà il suo progetto, può fornire una valutazione diversa e la legge spesso non si capisce e va "interpretata" , quindi secondo me per stare dalla parte del sicuro contatti direttamente la Caserma dei Vigili del fuoco e cheida direttamente ad un Ispettore.
      saluti alebon

      Elimina

saranno pubblicati solo commenti pertinenti, grazie per il tuo feedback

Articoli correlati: